CAMERA DA MUSICA: ELOISA MANERA

CAMERA DA MUSICAOttavo evento del progetto “Camera da musica”, appuntamenti concertistici dedicati alla ricerca musicale. * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

Domenica 22 giugno 2014 ore 21.oo
RONDINE
di Eloisa Manera

EloisaManera_RONDINE_01

foto: Paolo Villa

Rondine è il nome dell’album di esordio solista di Eloisa Manera, violinista, compositrice e improvvisatrice italo-spagnola. Un album nato con una immagine ben precisa, per testimoniare e raccogliere le innumerevoli migrazioni dell’eclettica musicista: sette tracce tra jazz e suggestioni ambient, echi di Bartok filtrati dal minimalismo di Steve Reich, dialoghi tra field recording urbani e le risonanze del violino.
Vibrazioni di corde moltiplicate ed espanse da un’elettronica mai astratta, appunti di viaggio che generano e attraversano, con calviniana leggerezza e coerenza, paesaggi molto diversi tra loro: dalle onde di grano nelle terre di Don Chisciotte (Grano) al barocco intravisto tra le nebbie di una Venezia tanto vissuta quanto immaginata (Niebla e Venezia), dai conversari giocosi di un ‘900 fantastico (Paube) ai giochi antichi di bimbi nella Sicilia spagnola (Strùmmula), la frenesia vitale nei vagoni affollati o solitari della metropolitana di New York (Transito) e la serenità inquieta del tramonto (Atardecer) in cui il XX secolo trascolora infine in un altrove attuale.
Rondine è significativamente fiorito in Sicilia durante oltre un anno di intensi scambi tra Eloisa e il duo di produzione Almendratech, composto da Gianluca Cangemi e Luca Rinaudo, negli studi palermitani di Almendra Music, la innovativa factory, condotta dagli artisti in regime di co-produzione, che sta sempre più catalizzando i più originali giovani e giovanissimi talenti della nuova musica strumentale in Italia, tra costanti condivisioni di approcci e tradizioni, dalla musica classica, barocca e novecentesca alle molteplici declinazioni dell’elettronica, del jazz e del rock.

Eloisa_Manera_01

foto: Antonio Cusimano

ELOISA MANERA Violinista, compositrice e improvvisatrice, nata nella città di Milano, la italo-spagnola Eloisa Manera è una musicista tutt’altro che stanziale. La sua doppia anima mediterranea si fa sentire nel perenne viaggio alla scoperta e ricerca delle risonanze di mondi musicali tra loro differenti. Le sue forti radici classiche non le hanno mai impedito di esplorare in maniera originale e rigorosa i repertori “altri”, dedicandosi al jazz, all’improvvisazione radicale e alla composizione estemporanea, fino al rock, l’elettronica, il klezmer e le tradizioni popolari.
Dopo solidi studi classici in Conservatorio (con brillanti diplomi a Milano, Venezia e Cremona) e svariati corsi di perfezionamento (Domenico Nordio, Francesco Manara, Emilio Molina, Magdalena Rezler), la fioritura del suo spirito creativo è avvenuta in questi ultimi anni, come diretto risultato della costante ricerca e spinta verso l’improvvisazione e le dialettiche tra scrittura e improvvisazione, esplorate nei vari generi dagli incontri in Europa e negli U.S.A. con musicisti come Alexey Igudesman, Mark Feldman, Zach Broch, Christian Howes, Barry Harris, Mat Maneri.
Nei suoi continui transiti, Eloisa ha suonato al fianco di solisti classici e non quali Enrico Intra, Lang Lang, Herbie Hancock, Dimitra Teodossiu, Pavel Vernikov, Skin, Dolores O’Riordan, Noa, Malika Ayane, Ralph Alessi, Mario Brunello, Marlene Kuntz, Keith Tippett, e molti altri. Altrettanto numerose e trasversali le sue collaborazioni discografiche, da solista e in quartetto d’archi, ensemble, orchestra, per produzioni che vanno dalla musica leggera alla classica e contemporanea, dall’elettronica al jazz.
I suoi contributi e la partecipazione al nuovo jazz in Italia ha portato la storica rivista Musica Jazz a includerla nel numero monografico di marzo 2014, dedicato alle “Donne che stanno rivoluzionando il Jazz”. Ha suonato in giro per il mondo (Italia, Spagna, Inghilterra, Francia, Turchia, Marocco, Montecarlo e Stati Uniti), raccogliendo esperienze preziose, come i diversi concerti al The Stone di New York con Karl Berger.
Il suo album di debutto solista, Rondine, pubblicato nel giugno 2014, è stato prodotto nella factory siciliana Almendra Music: sette tracce in cui il violino solo di Eloisa, col contributo di un’elettronica mai astratta, diventa un iperstrumento per migrare tra jazz e suggestioni ambient, echi di Bartok filtrati dal minimalismo di Steve Reich, dialoghi tra field recording urbani e le corde del violino.
Rondine
www.eloisamanera.com
www.almendramusic.com

rondine_01 rondine_02

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...